Cari fedeli, laici e simpatizzanti;

E’ l’ultima volta che mi affaccio da questa finestra e, a dirla tutta, non ne potevo più. Non tanto per i piccioni che nel corso del mio settennato mi hanno preso di mira (Voi non lo notate perché vesto sempre di bianco) quanto per tutte queste boiate sulla fame nel mondo, sulla pace dei popoli e sull’amore per il prossimo. Ma che due palle! Oh, ma lo sapete quanti anni c’ho? Non lo sapete? Allora ve lo dico io: c’ho ottantasei anni. Uno, all’età mia, ce l’avrà pure il diritto di starsene un po’ in pace? Dici agli africani di non usare il preservativo e s’incazza mezzo mondo, dici no al matrimonio gay e s’incazza l’altra metà, guadagni si e no quel tanto che basta per tirare fino a fine mese e ci devi pure pagare l’IMU. Ohhhhhhhh ma siete matti!?! Sapete che c’è, c’è che mi sono rotto i coglioni. Me ne vado a giocare a scopa al circolo ARCI in via Nomentana. Mezzo di rosso te lo mettono 50 centesimi, i taralli sono gratis e posso dire quel cazzo che mi pare. Basta sveglia alle 6 per la messa, basta Bagnasco, Scola e tutti gli altri. Il vostro Papa dice basta!

Auf Wiedersehen belli,

Joseph