Ammetto di essermi entusiasmato durante la campagna elettorale grillina, tanti concetti espressi da Grillo sui palchi di tutta Italia sono giusti, mettono il dito sulla piaga di un Paese alla frutta. Per questo mi aspettavo molto di più dal movimento del popolo, credevo in un cambio di rotta che portasse finalmente un po’ di meritocrazia nel deserto politico. Purtroppo ho dovuto costatare il fallimento delle mie aspettative, nel corso delle settimane ho assaporato il pesante ostracismo del Movimento Cinque Stelle verso tutto e tutti. Questo ha portato dapprima allo stallo politico e poi alla nascita del Governissimo guidato da Enrico Letta. Quello che voglio dire è che nelle stanze dei bottoni bisogna starci, si deve avere la capacità di amministrare portando avanti le proprie idee senza intasare la macchina amministrativa. Non è possibile dire solo dei “NO”.  La tattica politica è fondamentale, non ci si può basare unicamente sul qualunquismo e sulla retorica incendiaria, all’atto pratico si rischia di rimanere senza risposte e di bruciare quei milioni di voti raccolti nel corso di anni . Ora la domanda è questa:  è possibile proiettare il popolo in Parlamento senza essere passati da un percorso formativo che fornisca competenze serie?  Se quella del politico è una professione di fatto perché non introduciamo dei requisiti che la tutelino? Badate bene,  la mia non vuole essere una scelta di classe, tutt’altro, vuole essere una scelta finalizzata ad avere una  dirigenza capace “quantomeno” sulla carta. Non è possibile sedere in Parlamento senza aver mai svolto ruoli amministrativi, senza conoscere il funzionamento delle Camere, senza avere competenze specifiche su un dicastero o su una commissione parlamentare.  Non è possibile prendere lezioni di diritto costituzionale successive all’elezione a deputato o a senatore, lo si deve aver fatto prima, poi non ci sono i tempi materiali per l’apprendimento delle regole del gioco e si rischia di scadere in grida inconcludenti.  Da qui la mia delusione per un’occasione persa.