Ci scrive Adelina da Catanzaro:

“Caro Luisvuotapalle, sono sposata con lo stesso uomo da vent’anni e capirai bene che le cose, soprattutto a letto, non sono più come quelle di una volta. Come faccio a riaccendere la passione di mio marito?”

Cara Adelina, secondo me sei partita penalizzata dal nome, ma questa non è una valida ragione per arrendersi. Ti ringrazio per aver specificato  << con lo stesso uomo >>,  altrimenti avrei dovuto denunciarti per bigamia. Comunque, veniamo all’oggetto del tuo messaggio, mi dici che il sesso è diventato stantio. E come potrebbe non esserlo dopo 20 anni? Ascolta, se io ti do da mangiare per anni riso bollito, tu non arrivi a provare nausea? Io sì! Allora bisogna cercare delle varianti, a quel riso bollito, lo puoi fare ad esempio coi funghi oppure con lo zafferano. La scelta spetta a te e a tuo marito. Insomma: cerca di compensare la monotonia dell’alcova con un pizzico di fantasia. Non so: completino da infermiera,  sex toys, lubrificanti, frusta, lattice, manette e chi più ne ha più ne metta. Tienimi aggiornato!

Enrico Braglia