Nell’ultima settimana sono stato assalito da un’incredibile sequela di cagacazzo tutti ossessionati da una sola domanda: << Ma tu cosa fai a ferragosto? >>. Ecco, io a ferragosto mi faccio i cazzi miei. Questi copiosi rompicoglioni ti perseguitano puntualmente ad ogni festa nazionale. Sono gli stessi del capodanno, di pasquetta e del I maggio. Quelli che si accodano. Quelli che di organizzare non hanno mezza voglia. Così ti chiamano all’ultimo minuto, nel disperato tentativo di un invito a scrocco. Amici ed amiche, io vi dico che questa gente bisogna mandarla a fare in culo, passi lunghi e ben distesi sanguisughe del divertimento. Non vi voglio né vedere e né sentire. In sintesi: FOTTETEVI!